Cerca tra centinaia di podcast,
l'archivio delle nostre trasmisioni dal 2006

del 29/03/2019

Sounds & Grooves - Season 13 Episode 15: Un doveroso omaggio ad un personaggio incredibile come Scott Walker che apre e chiude il podcast, ed il consueto lungo viaggio dalle traiettorie impensabili. Due gruppi poco celebrati ma fondamentali degli anni '60 come Kaleidoscope e The Fugs, un viaggio lungo la frontiera tra la via Emilia ed il Messico con Don Antonio, Calexico e Giant Sand, una piccola digressione italica con I Hate My Village e Calibro 35, due band che hanno il motore ritmico di Fabio Rondanini in comune. Inoltre troviamo il lo-fi dei Pavement, la meraviglia dei Morphine, un ricordo di un'etichetta di culto come la Sarah Records insieme ai The Orchids, il soul venato di folk dell'indimenticato Terry Callier e la scura melassa dei Massive Attack di Mezzanine. Che aspettate? download & enjoy

 



del 19/01/2019

Ci sono due strade per questo podcast. La prima ci porta tramite i fiati dal sax alla tromba fino al mondo latino. La seconda tramite il ritmo e la chitarra ad attraversare il muro che divide gli Usa dal Messico, da Nord verso Sud.

 


del 05/01/2019

Ho scelto il Blues come stimolo per questo primo podcast dell'anno. Il risultato è una musica alla quale piano piano si aggiunge l'armonica, il piano, il violino, il sassofono per finire con la chitarra e la forza di Willy DeVille sul palco che da solo merita l'ascolto. Buon 2019

 


del 23/11/2018

Season 13 Episode 6: Nel sesto episodio di S&G troverete molte differenti suggestioni. Dalle asperità di Gold Dime e Talk Normal al soul di Charles Bradley e Marvin Gaye. Dal saongwriting al femminile di Laura Nyro, Ani DiFranco, Gemma Ray e Laura Veirs alla semplicità evocativa di Jim O'Rourke e David Sylvian. Dalla classicità degli Spirit all'unicità dei Morphine. Per poi assaporare le suggestioni etniche di Dirtmusic e Dead Can Dance. Buon Ascolto

 


del 09/06/2018

Mi sono divertito a giocare con i fiati. Il viaggio questa volta è tra Londra e New York che danno prova di città vive e con tante provenienze che arricchiscono la musica e ogni volta le fanno fare un passo in avanti. Quindi su il volume che all'inizio sembra una scaletta facile facile.

 


del 20/01/2018

Sono partito da una scaletta solida che mi ha portato dove le terre calde degli Usa incontrano le terre calde del mondo latino. Lì accade il (solito) miracolo, le culture vengono a contatto così come i suoni e il colore della pelle. Il risultato è parte di quello che ascolterete. Buon viaggio!