Cerca tra i 4701 podcast,
l'archivio delle nostre trasmisioni dal 2006

#TheOriginalToday

Oggi ricordiamo
George Harrison
, scomparso il 29 novembre del 2001.
È stato un musicista inglese, cantautore, produttore di musica e di film, ed ha raggiunto la fama internazionale come chitarrista dei Beatles.
Nei 10 anni passati con i Beatles ha composto 25 canzoni.
Spesso definito "il Beatle tranquillo", Harrison ha abbracciato la cultura indiana e ha contribuito ad ampliare la portata della musica pop attraverso la sua passione verso la strumentazione indiana e la spiritualità indù. Sebbene la maggior parte delle canzoni della band fossero state scritte da John Lennon e Paul McCartney, gli album dei Beatles dal 1965 in poi conteneva almeno due composizioni di Harrison. Le sue canzoni per il gruppo includevano "Taxman", "Within You Without You", "While My Guitar Gently Weeps", "Here Comes the Sun" e "Something".
Harrison ha pubblicato diversi singoli e album di successo come solista. Nel 1988, ha co-fondato il super gruppo Traveling Wilburys . È stato presentato come chitarrista ospite nei brani di Badfinger, Ronnie Wood e Billy Preston, e ha collaborato ai testi e alle musiche con Dylan, Eric Clapton, Ringo Starr e Tom Petty.
La rivista Rolling Stone lo ha classificato al numero 11 nella lista dei "100 migliori chitarristi di tutti i tempi".
Aveva passioni che spaziavano, in modo contraddittorio, dalla Formula Uno, alla meditazione e alle donne; dalla musica, al giardinaggio e al cinema.
Aveva un carattere molto riservato, era consapevole che il successo fosse un elemento effimero. Suo figlio Dhani scoprì che il padre aveva suonato nei Beatles solo dopo che i compagni a scuola lo rincorsero cantando Yellow Submarine; gli chiese perché non gli avesse mai detto che era nei Beatles e George rispose: – "Scusa. Suppongo che avrei dovuto parlartene."
Ma George era anche quello che scrisse All those years ago e When we was Fab. Possedeva un profondo senso dell’ironia e la presunta mancanza di interesse per il meraviglioso periodo era, in realtà, una necessità di dissacrare un demone.
Per capire George Harrison, bisognerebbe accettare ciò che per lui era veramente importante. L’esistenza di George ha oscillato, come poche altre, tra la materialità delle cose terrene e la ricerca di una spiritualità.
Per lui i Beatles sono stati un periodo felice e anche tormentato della vita, e la sua vita artistica non si fermò con i Beatles.
Harrison morì di cancro ai polmoni nel 2001 all'età di 58 anni, due anni dopo essere sopravvissuto a una coltellata da parte di un intruso nella sua casa di Friar Park. Le sue spoglie furono cremate e le ceneri furono disperse secondo la tradizione indù in una cerimonia privata nei fiumi Gange e Yamuna in India. Ha lasciato una proprietà di quasi 100 milioni di sterline.
“Sono una persona molto umile. Non voglio stare a tempo pieno nell’industria della musica, perché sono un giardiniere. Pianto fiori e li guardo crescere. Non vado ai locali o alle feste. Sto a casa e guardo il fiume che scorre”.

Condividi

     

Commenta

ULTIMI POST